mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi122
mod_vvisit_counterSettimana122
mod_vvisit_counterMese corrente4997

Today: Ago 20, 2017
I più letti del mese
Area Riservata



Luglio 2010

FESTEGGIAMENTI IN ONORE DELLA MADONNA DEL CARMELO 2010

Giovedì 29 Luglio 2010 22:32

Inizia Venerdì 30 Luglio la Novena in Onore della Madonna don_diego_18-1

Inizia la Novena in onore della Madonna del Carmelo con una giornata dedicata ai ragazzi a conclusione del Grest 2010. Il tema "C'è Campo?" è stato il filo conduttore di tutte le attività.

... Sintonizzarsi con Gesù.... Alta fedeltà... sono state le parole ritmante con la musica, ripetute tutte le volte con la testimonianza di una grande Santa "Chiaara d'Assisi".

Se Santa Chiara è un modello di fedeltà e di rapporto intimo e costante con Gesù, che dire della Vergine Maria, la Madre di Gesù la Vergfine fedele per eccellenza? Sulla lunghezza d'onda della santità di Maria vogliamo vivere questa novena. Allontaniamo tutte le interferenze che danneggiano il rapporto con Dio e i fratelli. Buona Festa a tutti, Don Diego.

Di seguito pubblichiamo il programma della Festa.

loc._mad._del_carmelo_2010

Attività GREST 2010

Giovedì 29 Luglio 2010 00:00

Il Grest, che letteralmente significa gruppo estivo, è un'attività estiva  che coinvolge ragazzi dai sei ai tredici anni in un'esperienza di gruppo, collaborazione, gioco, sana competizione, preghiera, divertimento, attività artistico-sportive, escursioni, gite e chi più ne ha più ne metta, sulla scia di una storia che fa da filo conduttore per l'intera durata e sotto la guida di ragazzi più grandi, solitamente dai 16 anni in su, che decidono di dedicare parte delle loro vacanze ai più piccoli vivendo questa esperienza di volontariato e dono di se, diventando animatori. Ma ci sono anche gli aiuto animatori, che spesso non hanno esperienze precedenti di animazione e decidono di affiancare i più grandi in questa avventura estiva. Insomma, la parola chiave del Grest è proprio animazione e competizione. Allora...

Conosciamo le squadre

gialli-scuola-palma arancioni-scuola-palma
I Gialli della Palma Gli Arancioni della Palma
verdi-scuola-palma rossi-scuola-palma
I Verdi della Palma I Rossi della Palma
arancioni_carmelo azzurri_carmelo
Gli Arancioni del Carmelo Gli Azzurri del Carmelo
bianchi_carmelo gialli_carmelo
I Bianchi del Carmelo I Gialli del Carmelo
rossi_carmelo verdi_carmelo
I Rossi del Carmelo I Verdi del Carmelo

Fotogallery

Grest 2010 - C'è Campo???

Mercoledì 21 Luglio 2010 09:19

grest-2010-1

Sono iniziate il 19 luglio le attività per la 12° edizione del Grest di Racalmuto. Le attività, fortemente, volute dalla Consulta di Pastorale Giovanile di Racalmuto vedono coinvolti complessivamente più di 300 persone tra bambini in età tra gli 8 ed i 13 anni e animatori. Il titolo del Grest è “C’è Campo” ed è suddiviso in due sedi dato l’alto numero di partecipanti. Le attività avranno una durata di dieci giorni.

Un appuntamento che ormai da diversi anni vede impegnata tutta la comunità, dai più grandi ai più piccoli. Momento senza dubbio di svago, il Grest è anche un'occasione per conoscere nuove persone, ma soprattutto dà l'opportunità di imparare a essere un gruppo, una squadra: in poche parole, abitua al rispetto dell'altro, sia esso un compagno o un animatore. E' un'esperienza significativa di collaborazione con altri giovani, che chiede la disponibilità a spendersi con gioia ed entusiasmo in un servizio. Ecco allora che si viene così sfatando un mito: i giovani di oggi non sono egoisti, non sono lontani da Dio e dalla Chiesa. Semmai, hanno bisogno che si creino spazi che permettano loro di mettersi al servizio della comunità. Il Grest, più di molte altre attività, fa tutto questo, ed è forse per questo motivo che vede la presenza costante di moltissimi giovani. Don Giovanni Bosco scriveva "Ricordatevi, che ogni cristiano è tenuto a mostrarsi edificante verso il prossimo, e che nessuna predica è più edificante del buon esempio". Con l'augurio per tutti di riuscire ad essere un esempio, con i nostri comportamenti, per i più piccoli, e di prestare un valido servizio, per condividere tutti insieme un'estate speciale e auguriamo a tutti un buon Grest!

Fotogallery

 

Il ruolo dell’Azione cattolica nel sociale

Martedì 20 Luglio 2010 11:13
Un convegno, alla presenza del deputato Calogero Mannino, ha celebrato gli anni passati dell’Azione cattolica. Nel cortile della Matrice conversazione e dibattito sul passato dell’associazione. E il futuro?

mannino1 Il ruolo dell’azione cattolica nel sociale. Si è parlato di questo, venerdì scorso, 16 luglio, all’incontro che si è tenuto presso il cortile del salone “Don Bosco” della Matrice di Racalmuto. Un piacevole incontro, introdotto dal presidente dell’A.C. Angelo Giudice, con il deputato, ex Democrazia Cristiana, Calogero Mannino che ha parlato del ruolo dell’Azione cattolica soffermandosi in particolare ad alcuni avvenimenti legati alla diocesi di Agrigento negli anni sessanta e settanta. Mannino ha ricordato l’arciprete Giovanni Casuccio e il suo impegno per i giovani. Ha ricordato fatti degli anni settanta, quando l’Azione cattolica era anche – e soprattutto - luogo di formazione religiosa, sociale e culturale.

Alla manifestazione è intervenuto anche Enzo La Carrubba, della segreteria regionale dell’Azione cattolica, che si è soffermato del ruolo che ha oggi l’Azione cattolica. Un ruolo che richiama il volontariato e l’importanza dei laici nella formazione delle nuove generazioni.

Ma quello che è emerso in particolar modo è il ruolo che ha oggi – a cento anni dalla nascita del circolo “Virtus” di Racalmuto – l’associazione a Racalmuto.

Prima dei due autorevoli interventi, Carmelo Rizzo – anima degli anni settanta della “Virtus”, ideatore delle iniziative di questo centenario – che ha tracciato un profilo dell’Azione cattolica di Racalmuto. Rizzo ha parlato dell’importanza del luogo, di questo luogo: il cortile della Matrice, dove hanno giocato, pregato, amato tanti tra ragazze e ragazzi racalmutesi. Dove hanno proficuamente introdotto la coscienza e la formazione numerosi sacerdoti e assistenti dell’Azione cattolica. E un’immagine riassume questi cento anni. Anzi due: il busto di Don Luigi Chiarelli, il dinamico sacerdote che nella Pasqua del 1910 fondò, nella piccola chiesetta di San Pasquale, la “Virtus” e la gigantografia dei tre ultimi arcipreti di Racalmuto: Don Giovanni Casuccio, Don Alfonso Puma e Don Diego Martorana.

mannino2 E proprio Don Diego, nel corso della serata dove hanno partecipato in tanti, riprendendo l’intervento dell’On. Mannino ha ricordato anche lui alcune vicende del passato, quando era a fianco di Padre Casaccio. E ha ricordato soprattutto il valore della formazione, con particolare riferimento ai ragazzi degli anni settanta che hanno avuto anche ruoli importanti nella politica, non solo quella locale.

Ma mi sia concessa tuttavia una mia personalissima considerazione che ho già esternato a Don Diego: in quella serata si doveva anche ricordare l’impegno di tanti giovani di oggi che, in silenzio, svolgono attività nel sociale. E questo grazie anche all’Azione cattolica: sono tanti coloro che ogni giorno s’impegnano a Racalmuto: negli scout, al Grest, nelle parrocchie, al centro “Padre Cipolla”! E del resto Mannino l’ha detto chiaramente anche se, forse, il messaggio non è stato tutto o del tutto percepito: bisogna dare spazio ai giovani, fiducia a coloro che la pensano diversamente - vuoi per differenze anagrafiche o culturali – dai giovani di ieri, che devono essere, naturalmente, da stimolo.

Purtroppo durante il convegno sono stati pochi i giovani che sono intervenuti. Anzi si è registrata un’assenza che si è notata. Ma Padre Martorana, da buon sacerdote da sempre vicino ai giovani, si è ripromesso di organizzare un incontro dove il tema principale sia il presente e il futuro. Del passato, di questi cento anni, ormai, si è già parlato. Bisogna adesso pensare ai prossimi cent’anni. Affinché la memoria – come ha detto qualcuno – abbia un futuro.

Fotogallery

Salvatore Picone

Adorazione Eucaristica - 30 giugno Piazza castello

Domenica 11 Luglio 2010 19:00

adorazione1 Mercoledì 30 Giugno, la comunità ecclesiale di Racalmuto, numerosa e raccolta, si ritrova riunita davanti al Santissimo Sacramento, in Piazza Castello.

AMATI PER AMARE è stato il tema guida, della riflessione proposta dal Gruppo Liturgico.

Esperienza bella e coinvolgente, che  vogliamo raccontarvi attraverso le immagini della fotogallery.

Silenzio, adorazione, raccoglimento, ascolto e canti di Lodi.

Tutto questo è avvenuto, quella sera. Tra i presenti anche molti passanti, i quali, non hanno potuto non restare positivamente colpiti.

L’esperienza dell’Adorazione all’aperto, se vissuta con fede, fa toccare alte vette allo spirito che cerca di elevarsi a Dio, che vuole trovare nel silenzio e nella preghiera la via per aprirsi a quell’amore universale che ci fa sentire sul serio tutti fratelli, tutti figli di un unico Padre. Un Dio che è amore, come bene ha sottolineato Papa Benedetto XVI nella sua Enciclica: "Deus caritas est". E questo Dio, padre amorevole, non può che gioire nel vedere i suoi figli che lo pregano e lo lodano con il cuore aperto e pronto ad ascoltare la sua voce!

Fotogallery

adorazione2 adorazione3

Siate Cristiani che sappiano portare Cristo!

Venerdì 09 Luglio 2010 19:17
Questo l’augurio che il Vescovo Montenegro ha rivolto al gruppo Gesù di Nazareth in visita al Palazzo Vescovile.

gesu_nazareth Sabato 3 luglio, il gruppo Gesù di Nazareth, ha concluso le attività dell’anno pastorale effettuando una visita nella città di Agrigento per un itinerario di arte e fede alla riscoperta delle proprie origini cristiane.

Il percorso arte ha interessato la visita del Palazzo Vescovile. Interessante è stato  ascoltare la storia di alcuni vescovi agrigentini raffigurati nelle tele che si trovano in alcune stanze del Palazzo. Interessante è la storia del vescovo agrigentino Beato Matteo, che ebbe un ruolo fondamentale nell’avvicinare alla Chiesa di Roma  Alfonso V di Aragona re di Sicilia. Costruì anche la chiesa di San Nicola nella Valle dei templi e fu anche  l’inventore del monogramma JCHS. Ricordiamo anche il Vescovo Lucchesi che costruì la Biblioteca Lucchesiana che contiene circa 50.000 volumi.  Si occupò molto delle anime della diocesi ma anche  del popolo perché in quel periodo la città fu colpita da gravi carestie allora egli fece aprire i granai della città per sfamare la popolazione che era ridotta allo stremo. Emozionante l’alcova dove dormì Giovanni Paolo II quando venne ad Agrigento nel 1993 sistemata come allora e a testimonianza del fatto ce lo ricorda una lapide posta in un angolo della stanza.

Il percorso nel palazzo vescovile si è concluso con l’incontro con il vescovo don Franco spostando l’obiettivo arte in fede. Il Vescovo ci ha dedicato un po’ del suo tempo rivelandoci il suo carattere amichevole e socievole ci ha detto che “il Signore ci indica sempre la strada per conoscerlo che è la più breve e la più semplice, ma questo non significa che nel viaggio non ci sono pericoli o gallerie, bisogna affrontarli poiché necessari. Vivere oggi significa annunciare, purtroppo, Cristiani contenti non se ne vedono, chi incontra Gesù si vede anche dall’aspetto sereno e felice che esprime la persona, e ci racconta dell’incontro con Madre Teresa di Calcutta una piccola donna non bella ma con occhi belli che trasmettevano serenità. La fede nell’amore deve essere frizzante” anche Giovanni Paolo II, ridotto vecchio e ammalato, aveva sempre voglia fino alla fine di parlare di Fede e Amore.  Oggi ci vogliono i Cristiani innamorati, gli altri che ci stanno accanto devono avvertire il cambiamento ed infine il vescovo ci lascia con un messaggio: “Siate Cristiani che sappiano portare Cristo!”.

Poi Il gruppo Gesù di Nazareth ha continuato il suo percorso d’arte visitando la Chiesa Cattedrale, il Seminario, la Chiesa di S. Maria dei Greci e la Chiesa di S. Alfonso. Nel pomeriggio passeggiata alla Valle di Templi.

Rosalba Cicero

Invito ad entrare nel cortile...

Giovedì 08 Luglio 2010 06:39

invito

Speciale programma festeggiamenti MARIA SS. DEL MONTE

Mercoledì 07 Luglio 2010 11:15

monte_2010

Nonostante l'attenta revisione dei contributi pubblicati, ecclesiaracalmuto.it non è responsabile di ciò che è presente nei documenti e di cui si assume la responsabilità ciascun autore. Chiunque dovesse trovare eventuali inesattezze è pregato di segnalarlo allo Staff. Questo sito è stato realizzato nel rispetto delle leggi sul copyright per cui chiunque dovesse riscontrare la presenza di materiale proprio o si dovesse ritrovare fotografato, lo comunichi e, qualora lo desiderasse, provvederemo a rimuoverlo immediatamente. Grazie.