mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi65
mod_vvisit_counterSettimana2189
mod_vvisit_counterMese corrente8654

Today: Giu 24, 2017
I più letti del mese
Area Riservata



Novembre 2012

Parrocchia: Comunità educante

Lunedì 26 Novembre 2012 21:48
Incontro Foraniale dei catechisti

Mercoledì 21 Novembre presso il salone della casa di Riposo di Racalmuto i catechisti e gli educatori di Grotte - Castrofilippo e Racalmuto si sono riuniti per l’incontro mensile organizzato deall’ufficio diocesano per la catechesi. Abbiamo avuto il piacere di avere in mezzo a noi il direttore dell’Ufficio catechistico che con la sua solita vivacità e competenza ha messo in evidenza come la chiesa italiana si interroga a 50 dal Concilio sul come la chiesa può influire nel percorso educativo sia dei ragazzi, dei giovani come anche degli adulti ed ecco il tema: “La parrocchia Comunità educante”.

L’apostolo Paolo nella lettera agli Efesini, ci ricorda che nell’unico corpo di Cristo, che è la Chiesa, ogni battezzato ha ricevuto da Dio una chiamata per l’edificazione e la crescita ecclesiale.

Il “primato educativo” spetta alla famiglia; nucleo essenziale, perché connesso alla trasmissione della vita, insostituibile e inalienabile. La Chiesa non potendosi sostituire alle famiglie, ha il dovere di sostenere l’impegno delle stesse, attraverso la capillare presenza nel territorio di strutture (oratori, parrocchie, centri giovanili) che accompagnano la crescita spirituale e umana delle nuove generazioni.

Pertanto compito della  Comunità Cristiana è:

Fare esperienza di Dio, attraverso la promozione di un ambiente vitale entro cui ogni individuo può sperimentare Gesù attraverso le catechesi, la preghiera e l’incontro sacramentale.

Privilegiare relazioni umane: cioè offrire una evangelizzazione rivolta alla gente, dove il Vangelo sia  una risposta alle proprie situazioni di vita e testimonianza dentro la realtà che la gente sperimenta e vive ogni giorno.

Condividere nella responsabilità, corresponsabilità: la comunità deve divenire realtà dove tutte le persone si sentano coinvolte, corresponsabili nel mettere insieme idee ed energie. Compito della Comunità Cristiana è quindi: attenzione verso la persona, capacità di ascolto, riorganizzazione delle catechesi e della Pastorale, esperienza di fede ed attenzione rinnovata verso la generazione adulta, seguendo gli elementi essenziali della comunità cristiana: Parola, liturgia e carità.

Avvento di Carità 2012

Martedì 20 Novembre 2012 06:31

Piano Pastorale Diocesano 2012 -2013

Domenica 11 Novembre 2012 23:09
La Chiesa: comunità missionaria
che educa alla fede
La Chiesa: comunità missionaria
che educa alla fede
Piano Pastorale Diocesano 2012-2013
Sabato 03 Novembre 2012 Palacongressi Agrigento, ore 16.00 L'Arc. S.E. Mons Francesco Montenegro e Don Baldo Reina, consegnano il Piano Pastorale Diocesano ai rappresentanti delle 194 parrocchie della Diocesi. Per la forania di Racalmuto - Grotte - Castrofilippo, ha ritirato il Piano Pastorale Leonardo Picone, operatore di pastorale, dell'Unità Chiesa Madre e Madonna del Carmelo di Racalmuto. Alla solenne concelebrazione liturgica, hanno preso parte numerosi Sacerdoti, diaconi, religiosi ed operatori di pastorale di tutta la diocesi.

Don Baldo Reina ha presentato le Linee guida del Piano Pastorale.
Obiettivo: La Chiesa: comunità missionaria che educa alla fede.
Nell’anno della fede indetto da Papa Benedetto XVI e nel secondo anno del biennio missionario, la comunità diocesana si impegna a dare maggiore impulso alla dimensione formativa, soprattutto in merito alla trasmissione della fede attraverso il modello catecumenale e all’apertura missionaria delle comunità; tale missione, per il nostro territorio diocesano avrà come oggetto specifico di azio ne la lettura del territorio e l’attenzione pastorale alla famiglia, per la dimensione Ad Gentes interesserà il discernimento comunitario di tutta la Diocesi circa la missione in terra d’Africa.

Dall’obiettivo generale emerge l’impegno per una nuova evangelizzazione che passa attraverso:

1 Un inserimento pieno della comunità nel territorio in cui vive.

2.Un impegno a vivere pienamente la comunione al proprio interno e con le comunità vicine attraverso le Unità Pastorali

3 Una permanente missione con uno sguardo proteso verso il mondo

4 Iniziare a conoscere i nuovi itinerari per la catechesi secondo il modello catecumenale.

5 Conoscere e vivere i nuovi stili di vita da assumere in modo profetico.

"Dalla Lettera Pastorale del Vescovo"

 

In quest'anno, attraverso la sottolineatura che il Papa ha dato, siamo chiamati a fare nostra la frase di Pietro: “Sulla Tua

parola getterò le reti”. La fede esige di contemplare Dio e di

guardare in avanti a ciò che Lui stesso prepara per noi. Come

Chiesa agrigentina siamo invitati, a fidarci di Dio e a gettare

ancora le reti dell’annuncio e della testimonianza. Proprio in

questi giorni si sta svolgendo il Sinodo sulla nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede ed emerge il bisogno di

una novità che non è tanto quella dei contenuti quanto quella

dell’entusiasmo, della fiducia e della gioia.

SAM_0988

 

Nuova evangelizzazione richiede nuovo desiderio di investire sul Vangelo e sull’uomo, di ritornare con umiltà anche nei luoghi del fallimento

perché sulla parola del Maestro nulla è impossibile. Il vero miracolo della fede accade non solo quando prodigiosamente avviene qualcosa di nuovo, ma quando ognuno si

sente “nuovo” nell’animo e di nuovo sperimenta l’amore di Dio.

Siamo invitati a rinnovare la nostra fede e mi auguro che per

tutti sarà occasione di un rinnovamento interiore, di una conversione sincera che lentamente condurrà alla scoperta di Dio e al

desiderio di seguirLo lasciando da parte tutto ciò che ci appesantisce inutilmente.

Fotogallery

Festa Madonna delle Grazie

Domenica 11 Novembre 2012 10:37

Festa Madonna della Rocca

Domenica 11 Novembre 2012 10:33

Oratorio S. Luigi

Sabato 10 Novembre 2012 16:13
Vent’anni di testimonianza nella Fede dell’oratorio San Luigi Gonzaga:

prendono inizio i festeggiamenti 
in onore della Madonna della Rocca.

Domenica 4 novembre  sono iniziati i festeggiamenti in onore della Madonna della Rocca, ricordando i vent’anni dell’oratorio San Luigi Gonzaga. Infatti presso il centro “San Luigi” si è svolta una messa, celebrata da Don Luigi Mattina, e poi la presentazione del libro dove è documentata la storia dell’oratorio dal 1992 al 2012 assieme  ad una raccolta di poesie riguardanti le passate edizioni del premio: “Una poesia per la Pace”. Alla manifestazione è intervenuto Salvatore Picone che ha coordinato l’intera serata.

32431_482394471795330_524094815_n

E’ da  ricordare l’intervento di Nicola Macaluso, attualmente responsabile dell’oratorio, il quale ha delineato le tante iniziative giovanili svolte in passato e l’attuale coinvolgimento di tanti ragazzi attraverso l’aiuto di tutti gli animatori. L’oratorio è nato nei locali donati dalla parrocchia da Padre Mattina che poi ha ospitato il centro per anziani tutt’ora aperto e frequentato.

E’ stato ricordato l’impegno di Gioacchino Scimè, primo animatore dell’oratorio e oggi sacerdote a Naro. L’intervento conclusivo da parte di Don Luigi Mattina si è concentrato sull’importanza dei valori di Fede, Speranza, Carità, come punti di riferimento per tutti i giovani, che soprattutto ora vivono un periodo di grande difficoltà, legati non solo a motivi economici ma soprattutto alla sempre più crescente crisi di valori che investe l’intera società. Per tali ragioni, Don Luigi Mattina ha parlato anche del grande significato che questi locali dell’oratorio possiedono per tutti i ragazzi del paese.

Sabato 10 novembre ci sarà una processione con lo stendardo della Madonna, si snoderà per le diverse vie del paese; a concludere la serata ci saranno i Vespri e la Santa messa. Domenica 11 novembre verrà celebrata la Santa messa, mentre in serata vi sarà il 5° premio di poesia: “Una poesia per la Pace…”, con la premiazione e recitazione delle poesie ed intrattenimento a cura dei ragazzi dell’oratorio “San Luigi Gonzaga”.

Fotogallery

Foto d'epoca

Domenica 04 Novembre 2012 22:05

Riceviamo e pubblichiamo.

Abbiamo ricevuto da un nostro fedelissimo visitatore, "Carmelo Rizzo" una foto documento del 25/01/1940. In basso a destra è facilmente indivuduabile Mons. Giovanni Casuccio già Arc. della Citta di Racalmuto. Ci piacerebbe conoscere, a quale evento o manifestazione si riferisce la foto e il luogo. I visitatori che individuano le persone o i Sacerdoti, possono notiziare la redazione del sito, pubblicheremo la segnalazione.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Nonostante l'attenta revisione dei contributi pubblicati, ecclesiaracalmuto.it non è responsabile di ciò che è presente nei documenti e di cui si assume la responsabilità ciascun autore. Chiunque dovesse trovare eventuali inesattezze è pregato di segnalarlo allo Staff. Questo sito è stato realizzato nel rispetto delle leggi sul copyright per cui chiunque dovesse riscontrare la presenza di materiale proprio o si dovesse ritrovare fotografato, lo comunichi e, qualora lo desiderasse, provvederemo a rimuoverlo immediatamente. Grazie.