mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi234
mod_vvisit_counterSettimana234
mod_vvisit_counterMese corrente5109

Today: Ago 20, 2017
I più letti del mese
Area Riservata



Settembre 2012

Una straordinaria esperienza in Terra Santa

Lunedì 17 Settembre 2012 11:58

Carissimi visitatori, riprendiamo le attività del nostro sito, con la straordinaria esperienza del Pellegrinaggio in Terra Santa, fatto in occasione del 50° anniversario di ordinazione sacerdotale di Don Diego Martorana

Dal 17 Agosto al 24 Agosto 2012 abbiamo avuto la grande gioia di partecipare, con Don Diego e Don Angelo MArtorana ad un pellegrinaggio in Terra Santa.

È stata un’esperienza bellissima sotto tutti gli aspetti: spirituale, storico ed archeologico.

terrasanta1

Il pellegrinaggio è cominciato visitando il Monte Carmelo dove abbiamo celebrato la S. Messa e si è concluso a Emmaus con la celebrazione eucaristica. In questo arco di tempo numerose sono state le visite fatte a partire da Narazeth, dove abbiamo visitato la fontana della Vergine, la sinagoga, l’antico villaggio, la Grotta e la Basilica dell’Annunciazione, dove abbiamo celebrato la S. Messa  e visitato il museo.

terrasanta2 Trasferiti poi a Cana di Galilea, gli sposi presenti hanno rinnovato le promesse matrimoniali. Nel pomeriggio ci siamo recati sul Monte Tabor dove Gesù si trasfigurò davanti ai suoi discepoli. Il giorno dopo a Cafarnao abbiamo celebrato la S. Messa, visitato gli scavi dell’antico villaggio, i resti della casa di Pietro, la Sinagoga del VI secolo, infine siamo saliti al monte delle beatitudini e visitato il santuario ivi annesso. Ci siamo poi trasferiti a Tabgha dove abbiamo visitato il santuario che ricorda la moltiplicazione dei pani e dei pesci e la cappella del primato di Pietro, ove la tradizione cristiana situa l’apparizione di Gesù risorto agli Apostoli e la pesca miracolosa. Il lago di Tiberiade, dove secondo il racconto biblico Gesù aveva camminato sulle acque, ci siamo bagnati i piedi. Attraversato il lago in battello ci siamo recati a Ein Gev per il pranzo dove abbiamo mangiato il pesce San Pietro. Nel pomeriggio ci siamo fermati sul fiume Giordano dove i sacerdoti hanno ripetuto simbolicamente, su ciascuno di noi il gesto del Battesimo. Il giorno dopo ci siamo trasferiti a Betlemme abbiamo visitato la Basilica della natività e celebrato la S. Messa e visitato le grotte dei pastori. Il giorno dopo siamo partiti per Gerusalemme, lungo il cammino abbiamo visitato la città dal Monte degli ulivi con l’Edicola dell’Ascensione, la Chiesa del Pater Noster, il Panorama, il Dominus Flevit, dove Gesù pianse su Gerusalemme, l’orto del Getsemani e celebrato la veglia di Preghiera presso la Grotta degli Apostoli sempre al Getsemani oltre ad una visita alla tomba di Maria in una chiesa ortodossa. Nel pomeriggio abbiamo visitato la Chiesa di Sant’Anna la Madre di Maria, la Piscina Probatica, il Litostrato, luogo dove fu condannato Gesù e fatta la via Cruscis che ci ha condotti al Santo Sepolcro e visita alla Basilica del Santo Sepolcro con ala celebrazione della S. Messa.

terrasanta3 Il giorno dopo ci siamo traferiti per visitare il muro del pianto, Basilica della Dormitio Mariae e poi al Cenacolo. Nel pomeriggio siamo andati monti di Giuda Ein Kerem presso la chiesa dedicata alla visitazione di Maria a Santa Elisabetta e luogo della nascita di Giovanni Battista. Il giorno dopo tutti presenti presso la spianata delle moschee, dopodiché trasferiti nel deserto di Giuda abbiamo celebrato la S. Messa, veramente un’esperienza suggestiva e toccante. Dal deserto ci siamo recati a Gerico e lì vicino abbiamo visitato i resti archeologici della Comunità degli Esseni e visto le caverne dove furono trovati i rotoli a Qumram. Nel nostro ultimo giorno ci siamo trasferiti a piedi presso la Chiesa di S. Pietro in Galicantu, luogo dove Pietro rinnegò il Signore e casa del grande sacerdote Caifa dove misero nella cisterna prigione Gesù, e sempre lì si trova una scala che pare essere dell’epoca di Gesù: in pratica la vera scala santa.

In questo pellegrinaggio non è mancata una piccola parte profana e cioè la visita del Mar Morto con l’esperienza del bagno in questo mare pieno di sale a 480 metri sotto il livello del mare ed un po’ di schopping.

Il tempo ci è stato favorevole, la permanenza negli alberghi ed il cibo ottimi.

Ringraziamo il Signore di questa esperienza perché ci ha assistito e ci ha dato le guide in questo pellegrinaggio che ci hanno fatto gustare la bellezza della Terra Santa luogo di fede e di speranza.

Vedi il foto racconto

Nonostante l'attenta revisione dei contributi pubblicati, ecclesiaracalmuto.it non è responsabile di ciò che è presente nei documenti e di cui si assume la responsabilità ciascun autore. Chiunque dovesse trovare eventuali inesattezze è pregato di segnalarlo allo Staff. Questo sito è stato realizzato nel rispetto delle leggi sul copyright per cui chiunque dovesse riscontrare la presenza di materiale proprio o si dovesse ritrovare fotografato, lo comunichi e, qualora lo desiderasse, provvederemo a rimuoverlo immediatamente. Grazie.